ELN 2018
Janssen Oncology
Roche Ematologia
Ematobase.it

Efficacia e sicurezza di Deferiprone rispetto a Deferasirox nei pazienti pediatrici con emoglobinopatie dipendenti da trasfusione: studio DEEP-2


Le emoglobinopatie dipendenti dalla trasfusione richiedono una terapia di chelazione del ferro per tutta la vita con uno dei tre chelanti del ferro ( Deferiprone, Deferasirox o Deferoxamina ).
Deferasirox ( Exjade ) e Deferiprone ( Ferriprox ) sono gli unici due chelanti orali utilizzati nei pazienti adulti con emoglobinopatie dipendenti dalla trasfusione.

Sembra non esistano studi clinici randomizzati che hanno confrontato Deferiprone, un chelante del ferro meno costoso, con Deferasirox nei pazienti pediatrici.
Si è cercato di dimostrare la non-inferiorità del Deferiprone rispetto a Deferasirox.

DEEP-2 è uno studio multicentrico randomizzato di fase 3 in pazienti pediatrici ( da 1 mese a 18 anni di età ) con emoglobinopatie dipendenti dalla trasfusione.
Lo studio è stato condotto in 21 ospedali di ricerca e università in Italia, Egitto, Grecia, Albania, Cipro, Tunisia e Regno Unito.

I partecipanti stavano ricevendo almeno 150 ml/kg di globuli rossi all'anno negli ultimi 2 anni al momento dell'iscrizione e stavano ricevendo Deferoxamina (meno di 100 mg/kg al giorno) o Deferasirox (meno di 40 mg/kg al giorno; Deferasirox non è registrato per l'uso nei bambini di età inferiore a 2 anni, quindi in questi pazienti è stata utilizzata solo Deferoxamina). Qualsiasi precedente trattamento di chelazione era consentito con un periodo di washout di 7 giorni.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Deferiprone giornaliero per via orale ( 75–100 mg/kg al giorno ) o Deferasirox giornaliero ( 20–40 mg/kg al giorno ) somministrati in compresse dispersibili, entrambi con aggiustamento della dose per 12 mesi, stratificando per età ( meno di 10 anni e 10 anni o più ) e bilanciando per i Paesi.

L'endpoint primario di efficacia si basava sui criteri di successo predefiniti per le variazioni della concentrazione sierica di ferritina ( tutti i pazienti ) e della risonanza magnetica cardiaca T2-star ( T2*; pazienti di età superiore a 10 anni ) per mostrare la non-inferiorità di Deferiprone rispetto a Deferasirox nella popolazione per protocollo, definita come tutti i pazienti assegnati in modo casuale che hanno ricevuto i farmaci in studio e che disponevano di dati disponibili per entrambe le variabili al basale e dopo 1 anno di trattamento, senza gravi violazioni del protocollo.

Sono stati arruolati 435 pazienti tra il 2014 e il 2016, 393 dei quali sono stati assegnati in modo casuale a un gruppo di trattamento ( 194 al gruppo Deferiprone; 199 al gruppo Deferasirox ).
352 su 390 pazienti ( 90% ) presentavano beta-talassemia major, 27 ( 7% ) anemia falciforme, 5 ( 1% ) talassodrepanocitosi e 6 ( 2% ) altre emoglobinopatie.

Il follow-up mediano è stato di 379 giorni per Deferiprone e 381 giorni per Deferasirox.

È stata stabilita la non-inferiorità di Deferiprone rispetto a Deferasirox ( successo del trattamento in 69 pazienti su 125, 55.2%, assegnati a Deferiprone con dati sull'endpoint primario di efficacia composita disponibili al basale e a 1 anno versus 80 pazienti su 146, 54.8%, assegnati a Deferasirox, differenza 0.4% ).

Nessuna differenza significativa tra i gruppi è stata dimostrata nel verificarsi di eventi avversi gravi e correlati al farmaco.
Si sono verificati 3 ( 2% ) casi di agranulocitosi reversibile in 193 pazienti nell'analisi di sicurezza nel gruppo Deferiprone e 2 ( 1% ) casi di disturbi renali e urinari reversibili ( un caso per ciascuno ) in 197 pazienti nel gruppo Deferasirox.

La compliance è stata simile tra i gruppi di trattamento: 183 su 193 pazienti ( 95% ) nel gruppo Deferiprone rispetto a 192 su 197 pazienti ( 97% ) nel gruppo Deferasirox.

Nei pazienti pediatrici con emoglobinopatie trasfusione-dipendenti, Deferiprone è risultato efficace e sicuro nell'indurre il controllo del sovraccarico di ferro durante i 12 mesi di trattamento.
Considerando la necessità di disporre di più trattamenti di chelazione nelle popolazioni pediatriche, Deferiprone offre una valida opzione terapeutica per questa fascia d'età. ( Xagena2020 )

Maggio A et al, Lancet Haematology 2020; 7: 469-478

Emo2020 Pedia2020 Farma2020


Indietro