ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Ferro labile nel plasma ed esito nella leucemia mieloide acuta e sindrome mielodisplastica dopo trapianto allogenico di cellule emopoietiche: studio ALLIVE


L'effetto del sovraccarico sistemico di ferro sugli esiti dopo trapianto allogenico di cellule emopoietiche ( HCT ) è stato oggetto di dibattito.
È stato studiato il valore predittivo del ferro immagazzinato ( contenuto di ferro epatico derivato dalla risonanza magnetica ) e del ferro biologicamente attivo ( ferro labile plasmatico enhanced, eLPI ) sugli esiti post-trapianto nei pazienti con leucemia mieloide acuta o sindrome mielodisplastica sottoposti a trapianto HCT allogenico.

Lo studio prospettico, multicentrico, osservazionale, ALLIVE ( ALLogeneic Iron inVEstigators ) ha reclutato pazienti in cinque Centri in Germania.
Sono stati arruolati pazienti con leucemia mieloide acuta o sindrome mielodisplastica sottoposti a trapianto HCT allogenico.
I pazienti sono stati sottoposti a condizionamento citotossico per una mediana di 6 giorni prima di sottoporsi a trapianto HCT allogenico e sono stati seguiti fino a 1 anno post- trapianto.

È stato misurato eLPI in campioni di siero con il kit FeROS eLPI ( Aferrix ) e sono stati considerati valori superiori a 0.4 micromol/l per rappresentare un eLPI aumentato.
Il contenuto di ferro nel fegato è stato misurato mediante risonanza magnetica.

Gli endpoint primari erano la delineazione quantitativa della dinamica di eLPI durante trapianto HCT allogenico e il coefficiente di correlazione tra il contenuto di ferro epatico prima di trapianto HCT e la dinamica di eLPI ( eLPIdyn, eLPI massimo meno eLPI basale ).

Tra il 2012 e il 2014, 112 pazienti sono stati sottoposti a trapianto CT allogenico.

Il contenuto di ferro a livello epatico prima del trapianto HCT allogenico non è stato significativamente correlato con eLPIdyn ( rho=0.116, P=0.22 ).

Le concentrazioni sieriche di eLPI sono aumentate rapidamente durante il condizionamento e la maggior parte dei pazienti ( 79 su 108, 73% ) ha avuto un aumento di eLPI entro il giorno del trapianto.

Pazienti con un contenuto di ferro epatico pre-trapianto maggiore o uguale a 125 micromol/g hanno presentato un'aumentata incidenza di mortalità non-dovuta a recidiva ( 20% ) rispetto a quelli con concentrazioni più basse ( 7%, P=0.039 ) al giorno 100.

I pazienti che avevano eLPI aumentato al basale hanno avuto anche una incidenza significativamente maggiore di mortalità non-dovuta a recidiva al giorno 100 ( 33% ) rispetto a quelli con eLPI normale al basale ( 7%, P=0.00034 ).

In conclusione, eLPI è un possibile mediatore biologico della tossicità legata al ferro.
Strategie di misurazione di eLPI peri-trapianto potrebbero essere esplorate in studi clinici prospettici interventistici per i pazienti con sovraccarico di ferro sistemico. ( Xagena2018 )

Wermke M et al, Lancet Haematol 2018; 5: e201-e210

Emo2018



Indietro