Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Sevuparina per il trattamento della crisi di dolore acuto nei pazienti con anemia falciforme


Non esistono trattamenti approvati per le crisi vaso-occlusive nell'anemia falciforme. La Sevuparina è un nuovo eparinoide a basso peso molecolare non-anticoagulante, con proprietà antiadesive.

In uno studio, si è determinato se la Sevuparina possa ridurre la durata delle crisi vaso-occlusive nei pazienti ospedalizzati con anemia falciforme.

È stato condotto uno studio di fase 2 multicentrico, in doppio cieco, controllato con placebo in 16 ospedali ad accesso pubblico nei Paesi Bassi, Libano, Turchia, Bahrain, Oman, Arabia Saudita e Giamaica.
Sono stati inclusi nello studio pazienti di età compresa tra 12 e 50 anni con diagnosi di anemia falciforme ( tipi HbSS, HbSC, HbSbeta0-talassemia o HbSbeta+-talassemia ) in terapia con una dose stabile di Idrossiurea, ospedalizzati con crisi vaso-occlusiva per analgesia parenterale con oppiacei con una degenza prevista superiore a 48 ore.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Sevuparina 18 mg/kg al giorno o placebo ( NaCl, soluzione allo 0.9% ) per via endovenosa per 2-7 giorni fino alla risoluzione della crisi vaso-occlusiva.
Tutti gli individui coinvolti nello studio non conoscevano l'assegnazione del trattamento.

L'analisi è stata effettuata nella popolazione intent-to-treat ( ITT ).

L'endpoint primario era il tempo alla risoluzione della crisi vaso-occlusiva definita come libertà dall'uso parenterale di oppiacei nelle precedenti 6-10 ore; e la disponibilità alla dimissione secondo il giudizio del paziente o del medico.

Tra il 2015 e il 2019, 144 pazienti sono stati assegnati in modo casuale e hanno ricevuto Sevuparina ( n=69 ) o placebo ( n=75 ).
L'età media era di 22.2 anni, 104 ( 72% ) erano adulti ( 18 anni o più ) e 90 ( 63% ) erano maschi e 54 ( 37% ) erano di sesso femminile.

L'analisi ITT per l'endpoint primario non ha mostrato differenze significative nel tempo mediano alla risoluzione della crisi vaso-occlusiva tra i gruppi Sevuparina e placebo ( 100.4 ore versus 86.4 ore; hazard ratio, HR=0.89; P=0.55 ).

Eventi avversi gravi si sono verificati in 16 su 68 pazienti ( 22% ) nel gruppo Sevuparina e in 21 ( 22% ) dei pazienti nel gruppo placebo.

Gli eventi avversi più frequenti emersi dal trattamento sono stati piressia ( 17, 25%, nel gruppo Sevuparina vs 17, 22%, nel gruppo placebo ), costipazione ( 12, 18%, vs 17, 22% ) e diminuzione dell'emoglobina ( 18, 26%, vs 9, 12% ).

Non ci sono stati decessi nel gruppo Sevuparina e si è verificato un decesso ( 1% ) nel gruppo placebo dopo un episodio iperemolitico dovuto all'alloimmunizzazione.

Questi risultati, così come i risultati osservati in altri studi clinici sugli inibitori dell'adesione nell'anemia falciforme, suggeriscono che l'adesione mediata da selectina possa essere importante all'inizio, ma non nel mantenimento della vaso-occlusione, indicando che le strategie per trattare le crisi vaso-occlusive differiscono dalle strategie per prevenire questa complicanza. ( Xagena2021 )

Biemond BJ et al, Lancet Haematology 2021; 8: 334-343

Emo2021 Farma2021



Indietro